lucherino di lawrence
 



Coppia Lucherino di Lawrence (Spinus lawrencei) - foto da Ornitologia Lodato
Gentile Sig. Esuperanzi,

ho letto in rete del Lucherino o Cardellino di Lawrence, fringillide che trovo incantevole. Mi piacerebbe saperne di pił da un grosso esperto di IEI come lei. Le chiedo:

- e' facile reperire in Italia dei buoni soggetti da riproduzione della specie?

- La riproduzione del carduelide esotico e' tentabile nel nostro Continente? In Gabbia o voliera?

- Quale la sua alimentazione? Necessita di prede vive durante l'allevamento dei nidiacei?

- Ho letto che effettua una sola covata l'anno, vero? Anche in regime domestico di cattivita'?

- Teme il freddo e va mantenuto durante il nostro inverno in ambiente climatizzato, o comunque interno?

- In domesticita' esistono solo soggetti ancestrali o anche mutazioni di colore?

Grazie per tutto quanto vorra' cortesemente dettagliarmi. Cordialmente.

Filippo Fiore - Crotone










Risponde Renzo Esuperanzi


Lucherino di Lawrence maschio (Spinus lawrencei) - foto dalla rete
Gentile Sig. Filippo,

Per tutti gli appassionati di Spinus il Lucherino di Lawrence ha rappresentato un perenne miraggio, fino a quando un paio di anni fa sono stati esposti dei soggetti al mercato di Reggio Emilia. Nonostante i costi proibitivi, diversi allevatori italiani si sono cimentati con questo splendido fringillide.

Personalmente ho seguito da vicino l'esperienza di Massimiliano Esposto che, nella stagione cove 2014, e' riuscito ad allevare due soggetti. Da quello che ho potuto vedere, i Lawrence sono piuttosto delicati e la mortalitą non e' bassa (oltretutto avviene in tempi repentini).

Nel caso di Massimiliano la riproduzione e' avvenuta in voliera nel periodo di fine maggio inizio giugno. Entrambe le coppie in suo possesso hanno deposto tre uova in un nido costruito autonomamente. Quelle di una coppia erano chiare, le altre fortunatamente erano feconde.



Lucherino di Lawrence maschio (Spinus lawrencei) - foto dalla rete
Per non rischiare e per tentare di ottenere una ulteriore deposizione, dopo una settimana le uova feconde sono state poste sotto una lucherina provetta nutrice. In effetti, i due piccoli nati, sono cresciuti senza problemi ed hanno mutato egregiamente.

Purtroppo lo stratagemma non ha generato altre covate ed a meta' giugno entrambe le coppie sono andate in muta. Massimiliano alloggia i suoi soggetti all'aperto e come alimentazione fornisce misto per lucherini Unica, spiga di panico e pastoncino. Durante la riproduzione mette a disposizione niger germinato, frittata, bigattini della frutta e piselli decongelati. Quindi, li tratta come tutti gli altri spinus presenti nel suo variegato allevamento.

Da quello che ho potuto vedere, i giovani sono piu' brillanti degli adulti ed e' probabile che anche per il Lawrence, tra qualche generazione, i problemi di mortalita' saranno finalmente superati.

Relativamente alle mutazioni, non sono a conoscenza di niente, anche se non e' escluso che esse possano essere traslate da altri congeneri, dopo aver verificato la fecondita' degli ibridi. Per il momento e' comunque prematuro e meglio sarebbe consolidare la specie nei nostri allevamenti. Buona stagione cove!


Renzo Esuperanzi









Collegamento al forum     Collegamento a Facebook

Invio e-mail amico     Elenco quesiti disponibili