L'aglio

 

La natura ci ha fornito un antisettico naturale, "l'aglio" perch non usarlo? Tra le sostanze presenti nell'aglio (Allium sativum), c' l'allicina, questa ha un rilevante contenuto di vitamina A, B1, B2, C, oligoelementi come, zolfo, iodio, silice, e sali minerali. Inoltre l'aglio dotato di un forte potere antisettico sui pi comuni agenti patogeni. L'aglio antisettico gastrointestinale, protegge la mucosa intestinale da stati infiammatori con conseguenti manifestazioni diarroiche, ed un ottimo regolatore della flora intestinale. Inoltre un buon disinfettante intestinale, ha un'efficace azione batterica su molti microrganismi, in particolare quelli responsabili delle infezioni intestinali, ed esso per la sua azione disintossicante intestinale, ostacola la formazione nell'intestino di prodotti di putrefazione.

Quindi molto buono per i nostri cardellini e per tutti gli uccelli. L'aglio anche antisettico polmonare, sull'apparato respiratorio agisce come espettorante e come antisettico delle vie aeree ed efficace contro le affezioni bronchiali. Nei nostri allevamenti pu essere utilizzato attraverso l'acqua da bere, procedendo come segue: mettere circa 60 g. di bulbi tritati in un bicchiere d'acqua calda, lasciar macerare per tutta la notte (circa 12 ore), la mattina filtrare e buttare via l'aglio e mettere il contenuto in un litro di acqua, a questo punto l'acqua fito-integrata pronta per essere somministrata, ma per renderla pi gradita ci possiamo mettere del miele o dello zucchero per addolcirla.







La somministrazione per uso preventivo pu essere fatta per sei giorni consecutivi al mese, nel periodo di riposo e muta. In fase riproduttiva, per dieci giorni consecutivi prima della deposizione. Personalmente lo uso da diversi anni e mi trovo bene, provare per credere.

CONTENUTO DEL BULBO D'AGLIO:
- sostanza secca......40%
- proteine grezze......6,6%
- lipidi grezzi........1,1%
- carboidrati..........30%
- ceneri.................1,5%

PROPRIET:
- ipotensive
- antisettiche
- espettoranti
- oleretiche
- rubefacenti

PRINCIPI ATTIVI:
- olio essenziale solforato
- glucosidi
- fitormoni


Mauro Buonfrate