Il Portale Italiano dell'Ornitofilia V&A - orninew quotidiana


new quotidiana
 


nuova specie di uccello scoperta in Cambogia    nuova specie di uccello scoperta in Cambogia



ULTIMO ARRIVATO IN ORNITOLOGIA SCIENTIFICA: L'UCCELLO SARTO CAMBOGIANO
(Orthotomus chaktomuk)


scoperto per caso nel 2009 alla periferia di Phnom Penh (Cambogia)

Martedi', 29 ottobre 2013



La Natura non smette mai di stupire e riservare nuove sorprese mozzafiato. Nel Terzo Millennio dopo Cristo, l'habitat serba ancora delle inedite sorprese, manifestando all'uomo specie animali e vegetali ancora sconosciute ai testi di tassonomia (catalogazione ufficiale scientifica di animali e vegetali). Vi sono dunque specie ancora ignote che attendono impazienti il proprio momento di celebrita', prima che lo spettro dell'estinzione possa carpirle, in un ambiente naturale in progressiva rarefazione a livello mondiale.

Ha certamente del sensazionale la scoperta fatta a Phnom Penh, capitale della Cambogia (2 milioni di abitanti) nel 2009, allorche' durante alcuni controlli avifaunistici per la prevenzione dell'influenza aviaria, ornitologi e veterinari si sono imbattuti per la prima volta, alla periferia della caotica metropoli asiatica, in un uccellino dal piumaggio poco vistoso, decisamente di specie sconosciuta alla scienza, benche' ben noto agli abitanti della capitale cambogiana in quanto assiduo frequentatore delle sue periferie a confine con la campagna. Addirittura la presenza della fantomatica specie e' stata successivamente rilevata pure in un cantiere stradale, intensamente frequentato da uomini e mezzi meccanici, cosi' come in citta'.

La nuova specie scoperta e' stata successivamente descritta nello studio "A new species of lowland tailorbird (Passeriformes Cisticolidae: Orthotomus) from the Mekong floodplain of Cambodia", pubblicato su "Forktail", la rivista dell'"Oriental Bird Club", ed e' stata chiamata uccello sarto cambogiano, con il nome scientifico di (Orthotomus chaktomuk). Ma perche' e' cosi' sorprendente questa scoperta? Č molto raro che nuove specie vengano scoperte, e lo e' ancora di piu' se la scoperta viene fatta in contesti urbani, addirittura caotici come quello della capitale cambogiana.

Un team di ricercatori cambogiani, statunitensi e di Singapore hanno piu' recentemente svolto una dettagliata serie di test, studiando il piumaggio degli uccelli, i loro canti e richiami ed il loro DNA, ed hanno dimostrato dall'esame del cariotipo che l'Orthotomus chaktomuk e' a tutti gli effetti una "nuova" specie, distinta dalle altre che vivono in Cambogia.








Richard Thomas, del Consiglio dell'"Oriental Bird Club", sottolinea l'eccezionale scoperta in un contesto addirittura urbano, intensamente antropizzato. "Nella prima parte dell'anno (2009) ho visto io stesso questo nuovo straordinario uccello-tessitore nel bel mezzo di un cantiere stradale". Secondo gli autori dello studio l’Orthotomus chaktomuk era fino ad ora passato inosservato alla scienza, perche' vive in una piccola area, costituita in gran parte da macchia fitta ed umida, nella pianura alluvionale del fiume Meking, dove sorge Phnom Penh. I birdwatchers occidentali e i ricercatori cambogiani frequentano poco questo tipo di ecosistema, perche' la maggior parte delle specie che ospita sono molto comuni ed abbondanti in tutto il sud est asiatico.

A causa del piccolo areale in cui vivono questi uccellini, che sembra limitato ad aree frammentate della pianura alluvionale dei fiumi Meking, Tonle Sap e Bassac, con una forte erosione dell'habitat della macchia intorno alla capitale della Cambogia, il team internazionale di ricercatori - anche se la specie sembra abbondante pure in alcune aree al confine e dentro Pnom Penh - ha gia' chiesto all'International Union for Conservation of Nature di inserire l'uccello tessitore cambogiano nella sua Lista Rossa come specie "quasi a rischio" di estinzione. Inoltre e' necessario svolgere altre ricerche per comprendere piu' chiaramente la distribuzione e l'ecologia di questa specie, e in particolare il suo rapporto evolutivo con un'altra specie di uccello tessitore: l'Orthotomus atrogularis, con il quale sembra condividere habitat ed abitudini, senza pero' ibridarsi.

La dieta dell'uccello sarto cambogiano sembra essere composta principalmente da ditteri (una specie di mosca), ragni, lepidotteri e cavalette; sempre consumati immediatamente. Il canto avviene solitamente in duetto, la maggior parte delle volte mentre gli uccelli si trovano nella parte superiore della vegetazione, piu' raramente in volo. Il canto č spesso accompagnato da movimenti rapidi della coda.


[video] [chiudi]

Fonte: nota di redazione






Collegamento in forum     Collegamento a Facebook

Segnala per e-mail     Indice orninew



News curate dalla redazione de "Il Portale Italiano dell'Ornitofilia V&A"
Testata Giornalistica Online
Registrazione n°1/06 del 10/02/2006 - registro stampa Tribunale di Trani
Direttore Responsabile: Francesco Chieppa
I testi possono essere liberamente trascritti citando la fonte.
Foto protette da copyright verranno rimosse a richiesta di parte

Per segnalare eventi, notizie, iniziative, contattare la redazione scrivere a:
redazione@verdiardesia.com